mercoledì 24 maggio 2017

Recensione + Intervista: Un disastro perfetto di Jamie McGuire

Titolo: Un disastro perfetto
Autore: Jamie McGuire
Casa editrice: Garzanti
Pag.: 296
Costo: 16,90
















Trama
Ellie ha appena finito il college quando, a una festa, incrocia lo sguardo magnetico di Tyler Maddox. Quei profondi occhi nocciola la affascinano. Ma si sa che Tyler ha il pugno facile e ama circondarsi di ragazze sempre diverse. In una parola, è il ragazzo sbagliato. Eppure c'è qualcosa di più in lui. Quando sfiora le sue mani, Ellie riconosce un'inaspettata dolcezza. E nel suo caldo abbraccio trova la sicurezza di cui ha bisogno. Un punto di riferimento incrollabile. Solo lui è in grado di leggere nel suo cuore. Del resto, è un Maddox. E i Maddox, quando s'innamorano, amano per sempre. Ellie, però, ha troppa paura di lasciarsi andare. Ha paura di fidarsi. Tyler potrebbe far cedere le sue difese e irrompere nella sua vita come un fiume in piena. Ha bisogno di tempo. Non può permettersi di sbagliare. Perché quando c'è di mezzo l'amore, tutto diventa inevitabilmente più complicato...


Il commento di Manuela

Ed eccoci davanti a un altro appuntamento con la famiglia Maddox… conosciamo la storia tra Ellison e Tyler.

“Quando un Maddox si innamora è per sempre…” affermò Abby.

Inizio da qui, questa frase la troviamo più o meno nella seconda metà del romanzo, ma è il filo conduttore di tutte le storie che vedono come protagonisti i fratelli Maddox e la loro costanza, tenacia, caparbietà nel conquistare la loro anima gemella, anzi, questa frase descrive tutta la serie dei fratelli Maddox il proseguo del discorso di Abby…

“…se fossi in te, accetterei tutto l’aiuto possibile se questo significa raggiungere la felicità che ti sta aspettando. E credimi, quando quei ragazzi sono felici è come vivere in una favola”.

Ellison è una ragazza annoiata. A vederla da fuori ha tutto quello che una persona appena diplomata può desiderare, ma lei non sta bene.

Più i miei mi coprivano di soldi e di oggetti, più il vuoto che sentivo dentro aumentava.

Per riempire quel vuoto fa tutto quello che di più sbagliato non si può, alcool, droga, sesso senza limiti… Il romanzo infatti si apre con una festa in casa sua, dove gli invitati, che lei nemmeno conosce, stanno facendo risse e distruggendo tutto l’arredamento. In quell’occasione vede Tyler. Vede e possiede Tyler. Convinta che quello sia solo un incontro sporadico. Ma Tyler è uno dei fratelli Maddox, per lui Ellie diventa qualcosa di importante.
A seguito della festa, la famiglia di Ellie adotta una situazione drastica e le tolgono tutti i privilegi, e lei deve imparare da sola a gestire la sua vita, vogliono spingerla a riconoscere i suoi problemi e soprattutto ad affrontarli.

“Ti stai rovinando la vita. Devi prendere il coraggio a due mani e affrontare la situazione”.

Questo è il monito che le fa la sorella. Consiglio che Ellie non segue per niente, per tutto il romanzo fa di tutto. Fino a giungere a toccare il fondo del barile, arriva persino a perdere le uniche persone che le sono state vicino sempre: sua sorella Fin e Tyler.

L’amore spinge le persone a odiare con un’intensità inaudita.

Questo libro mi è piaciuto. Devo dire che non è stato facile leggerlo. Ci sono molti aspetti che in un certo senso me lo hanno fatto “detestare”. Non amo la protagonista, non mi piace come si comporta e le scelte che fa, e non è nemmeno molto simpatica. Non mi piace questo suo attirare l’attenzione con gesti estremi come bere fino a stordirsi o andare con le donne… non ho apprezzato come abbia usato i sentimenti di Paige, anche se poi Paige è veramente orribile come personaggio. Eppure, nonostante ci siano tutti questi aspetti che non mi sono piaciuti, il romanzo nel suo complesso è veramente ben fatto.
Non mi dilungo sullo stile dell’autrice, anche perché mi è rimasto ben poco da dire, per me è bravissima e scrive in modo magnifico. La prova è il fatto che pur presentando situazioni che stridono con il mio modo di pensare, io non sono riuscita a staccarmi dalla lettura. Inoltre è talmente scorrevole che non riesci ad accorgerti della fine dei capitoli, tanto che solo leggendo l’indice mi sono accorata che i capitoli erano 29!!! 
Quando leggi i libri della McGuire, ti rendi conto che, leggendo le sue parole vivi i personaggi, provi sentimenti per loro, come me che sono arrivata a detestare la protagonista di questo romanzo. Sono pochi gli autori che riescono in questo, farti sentire dei sentimenti veri.
Sicuramente il personaggio di Ellie è un personaggio diverso dai soliti, è quasi ostile in alcuni tratti, qui mi viene in mente, che la stessa autrice, durante l’intervista che le è stata fatta a Tempo di Libri 2017 a Milano, ha definito Ellison come “ostile”.
Chiaramente è il penultimo appuntamento di una serie molto ricca. Lo si può tranquillamente leggere da solo perché è autoconclusivo, ma all’interno si ritrovano tutti i personaggi della serie e anche alcuni episodi, tanto che riesci a rinfrescarti la memoria. Carinissimo infatti è il racconto del giorno del Ringraziamento dove Ellie conosce Abby e Cami, ma anche il giorno del matrimonio di Travis e Abby.
Ora naturalmente io sono in attesa spasmodica dell’ultimo libro… Beautiful funeral… un po’ anche per colpa di Jamie stessa che a Tempo di Libri ha dato qualche anticipazione.
Come sempre accade nei romanzi della McGuire ho sottolineato un sacco di frasi, forse la mia preferita è…

sapevo che se c’era qualcuno in grado di insegnarmi ad amare me stessa, quello era lui.

È la speranza che qualcosa cambi, il futuro fatto di incertezze e problemi, ma che ha una “luce”. Questo romanzo merita di essere letto, è diverso dagli altri, come una scossa. Si sente la sofferenza dell’alcolismo, che fa male a chi beve e a chi sta intorno. Per più della metà del libro mi continuavo a dire che non mi piaceva la storia, e intanto macinavo pagine senza voler smettere, ma quando sono arrivata in fondo devo riconoscere che è veramente un’ottima lettura. Molto intensa, scritta superbamente e che ti lascia emozioni forti. Un libro più che mai vero e vivo.


Jamie McGuire è autrice delle serie:
Uno splendido disastro
1 - Uno splendido disastro
2 - Il mio disastro sei tu
3 - Un disastro è per sempre
4 - Uno splendido sbaglio - recensione dei primi quattro libri
5 - Un indimenticabile disastro - recensione
6 - L'amore è un disastro - recensione
7 - Il disastro siamo noi - recensione
8 -Un disastro perfetto



All’interno della fiera Tempo di Libri a Milano c’è stato un evento che ho seguito con molto interesse “Innamorarsi di un bad boy”, ovvero l’intervista a Jamie McGuire, autrice della serie che ha come protagonisti i fratelli Maddox.
In questa occasione sono state poste diverse domande a Jamie da Ilaria Rodella. Io ho registrato le risposte che l’autrice ha dato e con l’aiuto di mio figlio Michelangelo le ho tradotte. Qui di seguito voglio portare un sunto di quello che questa autrice così brava e che io amo molto ha detto.
Jamie ha parlato dei sui libri, del suo modo di scrivere e ha dato delle anticipazioni del prossimo romanzo della serie Beautiful funeral.
Qual è il tuo fratello Maddox preferito?
È difficile rispondere a questa domanda… Travis, perché è ispirato ad una persona con la quale avevo un legame.
Ellie è un personaggio molto diverso dalle altre figure femminili che sono legate ai fratelli Maddox. Qual è il messaggio che vuole darci Ellie?
È difficile per me parlare di Ellie perché è una ragazza problematica, è in lotta con la sua famiglia. Come fanno molte persone, combatte per fare di meglio ogni giorno, per stare meglio e guarire. È difficile per me scrivere di questo perché è un problema con il quale ho avuto a che fare nella mia vita, anche se non personalmente. Ho creato Ellie perché volevo portare avanti il messaggio che non bisogna essere straordinari per essere amati.
Di solito come scrivi? Di giorno, di notte, al bar, in spiaggia….
Scrivo principalmente di notte, ho sempre vicino acqua, caffè, cioccolata calda. Una volta che mi metto a scrivere, sistemo intorno al mio laptop tutto, così che non debba alzarmi per prendere il cibo. Mi dà fastidio interrompere la scrittura. Metto tutto in maniera ordinata e prendo cibi che non sporchino le dita. Il cibo è importante.
Beautiful funeral sarà l’ultimo della serie?
Sì e no. Sì, perché questo è il capitolo finale dei fratelli Maddox, ma sto pensando di scrivere dei sequel riprendendo le storie dal punto di vista maschile.
Come stanno Travis e Abby? Pensi a loro e a come potrebbero stare?
Travis e Abby stanno bene. In Beautiful funeral vedremo come stanno dopo undici anni. Vivono bene e si prendono cura del loro bambino.
Cosa troveremo in Beautiful funeral?
In Beautiful funeral troveremo tutti i personaggi. Ogni capitolo avrà un personaggio che racconterà quello che è successo in questi undici anni. È stato emozionante da scrivere e emozionante per i lettori da leggere.
Cosa ci dobbiamo aspettare da Beautiful funeral, senza spoilerare troppo? Dobbiamo preparare i fazzoletti?
La maggior parte del libro è scoprire cosa sta succedendo ai fratelli Maddox, mentre una piccola parte racconta la fine di una vita.
In una parte del libro vedremo anche il futuro di Shep e America. Li vedremo con tanti bambini.
I tuoi romanzi parlano sempre di ragazzi problematici. Qual è il tuo rapporto con i tuoi figli? Hai consigli per i genitori che hanno figli in questo periodo difficile che è l’adolescenza?
Io sono l’ultima persona che può parlare di questo. I miei genitori si sono separati quando io ero molto piccola. Ho imparato qualcosa osservando molto i genitori dei miei amici, guardando come fare perché non volevo fare gli errori che hanno fatto i miei genitori. Penso sia giusto essere onesti con i figli, ammettere i nostri errori e i nostri sbagli. Ogni tanto io stessa chiedo scusa ai miei figli per i miei errori, mostro umiltà. Quando mia figlia ha avuto un problema a scuola l’ho ascoltata e poi le ho dato alcuni consigli per “sopravvivere”, ma soprattutto le ho detto che “Casa” è un posto sicuro, dove può parlare ed essere se stessa.
Quando ero piccola anche io ho avuto problemi con il bullismo a scuola, ma crescendo le cose sono cambiate. Quindi l mio consiglio è quello di aspettare, crescendo tutto si risolve.
Durante l’intervista, Jamie ha anche detto che sta preparando altri due romanzi, di genere un po’ diverso ma sempre nel mondo del YA.
Ora dopo queste anticipazioni non mi resta che attendere la conclusione di questa serie…

martedì 23 maggio 2017

Trame e opinioni: Tredici di Jay Asher

Titolo: Tredici
Autore: Jay Asher
Casa editrice: Mondadori
Pag.: 229
Costo: 17,00
















Trama

"Ciao a tutti. Spero per voi che siate pronti, perché sto per raccontarvi la storia della mia vita. O meglio, come mai è finita. E se state ascoltando queste cassette è perché voi siete una delle ragioni. Non vi dirò quale nastro vi chiamerà in causa. Ma non preoccupatevi, se avete ricevuto questo bel pacco regalo, prima o poi il vostro nome salterà fuori... Ve lo prometto." Quando Clay Jensen ascolta il primo dei nastri che qualcuno ha lasciato per lui davanti alla porta di casa non può credere alle sue orecchie. La voce che gli sta parlando appartiene ad Hannah, la ragazza di cui è innamorato dalla prima liceo, la stessa che si è suicidata soltanto un paio di settimane prima. Clay è sconvolto, da un lato non vorrebbe avere nulla a che fare con quei nastri. Hannah è morta, e i suoi segreti dovrebbero essere sepolti con lei. Ma dall'altro, il desiderio di scoprire quale ruolo ha avuto lui nella vicenda è troppo forte. Per tutta la notte, quindi, guidato dalla voce della ragazza, Clay ripercorre gli episodi che hanno segnato la sua vita e determinato, in un drammatico effetto valanga, la scelta di privarsene. Tredici motivi, tredici storie che coinvolgono Clay e alcuni dei suoi compagni di scuola e che, una volta ascoltati, sconvolgeranno per sempre le loro esistenze. Ora è anche una serie televisiva prodotta da Netflix.

e mezzo 

Il commento di Dolci

A ogni nuovo lato di ogni nuova cassetta,
un vecchio ricordo viene stravolto.
Un vecchio compagno di scuola
si trasforma di colpo
in qualcuno che non so più riconoscere.

Un libro che avevo intenzione di leggere da molto tempo e che, in occasione dell'uscita dei telefilm su Netflix, ho finalmente deciso di affrontare.
Diciamo che nel complesso mi è piaciuto questo libro e l'ho letto anche velocemente.

Non avete idea di quello che stava succedendo
al resto della mia vita.
A casa. Persino a scuola.
Non sapete niente della vita di nessuno,
se non della vostra.
Ma quando giocherellate con una parte
della vita di qualcuno, i
n realtà non stuzzicate solo quella.
Purtroppo, è impossibile essere
così accurati e selettivi.
E il particolare con cui vi siete trastullati
finisce poi per influenzarne l'intera l'esistenza.
Tutto agisce… su tutto.

Hannah Baker, la protagonista, è un'adolescente che si suicida e invia, prima di morire, 13 cassette in  cui ha inciso i motivi e le colpe di alcune persone che l'hanno portata al terribile gesto.

...ti sembra di non riuscire a integrarti in questa città. Hai l'impressione che ogni volta
che qualcuno ti offre un appiglio,
poi ti molli all'improvviso,
e tu precipiti ancora più a fondo.

Noi viviamo tutta la storia attraverso gli occhi di Clay Jensen, compagno e amico della ragazza, che ha ricevuto la scatola con i nastri registrati. Mentre ascolta le cassette, Clay si rende conto di come  alcuni eventi, anche apparentemente insignificanti, si fondano insieme creando una situazione insopportabile che ha portato al suicidio Hannah.

...il mio cuore e la mia fiducia
erano ormai ai minimi termini.
E questo tracollo stava scavando
un vuoto nel mio petto.
Come se ogni nervo del corpo
si stesse ritirando verso l'interno,
abbandonando le dita delle mani e dei piedi.
Fino a scomparire.

Veniamo alle mie perplessità. La storia più volte mi è sembrata “artificiosa”.
Anche se alcuni dei motivi sono davvero seri, troppi sono quelli banali; ho dovuto ricordare che quando ero un'adolescente era facilissimo diventare melodrammatica e ingigantire i comportamenti dei miei coetanei. Tuttavia non sono riuscita ad empatizzare con Hannah e questo è stato il problema maggiore con il libro. Non ho capito mai i suoi comportamenti, erano tutti un controsenso. Nonostante qualcosa in sé la mettesse in guardia per non farsi coinvolgere con certe persone e situazioni, più lei vi si buttava a capofitto. C'erano persone a cui non interessava la sua cattiva reputazione e che avrebbero voluto essere suoi amici, ma lei niente, non vedeva nessuno e si sentiva sola.

Mi pare di essere stata abbastanza chiara,
ma nessuno si è offerto di aiutarmi.
Di chi parli, Hannah?
Dei tuoi? Di me?
Con me non sei stata chiara per niente.

Senza sminuire gli eventi che hanno causato il suicidio di Hannah, devo dire che la storia manca di una certa credibilità. Sono stata vittima di bullismo anche io ai miei tempi, e le offese che mi venivano rivolte erano molto più pesanti rispetto a quelle della ragazza, eppure mai una volta ho pensato al suicidio.  Il suo volere incolpare gli altri per il suo gesto per me non regge. Ha chiesto aiuto allo psicologo della scuola ma non lo voleva veramente. Come dice lei stessa:

Ma in tutta onestà, non so se sarebbero
riusciti a convincermi in un senso o nell'altro.
Perché forse ero semplicemente egoista.
Forse volevo davvero attirare l'attenzione.
Sentire gente che discutesse
di me e dei miei problemi.

Più che di bullismo io parlerei di depressione. A parte il comportamento totalmente sbagliato di un suo compagno (non posso dire di più altrimenti sarebbe uno spoiler) le azioni degli altri ragazzi non sono così terribili.

Ho esitato un istante. Farò bene?
 No… ma lo faccio lo stesso.
Sapevi a cosa andavi incontro, Hannah.

Ripeto ho passato momenti peggiori dei suoi.
Forse il personaggio di Hannah aveva bisogno di una migliore caratterizzazione per convincermi del tutto. Perchè non ha cercato di modificare la sua cattiva reputazione o addirittura provato a fare amicizia con gli altri? Una cosa che mi ha infastidita parecchio e che Hannah cita come segno premonitore del suicidio, è il cambiamento della sua acconciatura che nessuno sembra aver notato. Non è che ogni volta che uno cambia il suo look sta pensando al suicidio!
Il libro tratta argomenti importanti e se l'autore avesse sviluppato meglio il tutto sarebbe stato una storia da 5 stelle.





Uscite: De Agostini

Titolo: Playlist. L'amore è imprevedibile
Autore: Jen Klein
Casa editrice: De Agostini
Pag.: 374
Costo: 14,90
















Che cosa c'è di meglio del momento in cui ti rendi conto che il liceo sta per finire e la tua vera vita sta per cominciare? Niente, June ne è convinta. Diciassette anni e le idee chiare sul futuro, non vede l'ora di lasciarsi alle spalle la cittadina in cui è cresciuta e tuffarsi a capofitto nella nuova avventura del college. Al contrario di Oliver, l'atleta più popolare della Robin High, che vorrebbe che l'ultimo giorno di scuola non arrivasse mai. June e Oliver non hanno davvero nulla in comune. Potrebbero non rivolgersi mai la parola. Potrebbero far finta di non conoscersi. E invece. Invece il destino ha voluto diversamente. Perché le loro madri sono amiche per la pelle e hanno deciso che Oliver accompagni June a scuola in macchina. Tutti i maledettissimi giorni. A un tratto, June e Oliver sono costretti a passare parecchio tempo insieme. Peccato che non abbiano niente, ma proprio niente di cui parlare. E allora decidono di mettere la musica. Ma cosa succede quando un'anima rock come quella di June ne incontra una pop come quella di Oliver? Una guerra! Una sfida per il controllo della playlist... finché non accade qualcosa di totalmente imprevedibile. Perché a volte basta la canzone giusta al momento giusto e tutto cambia.

Uscite: Sperling & Kupfer

Titolo: The Heart Breakers. Cuori di carta
Autore: Ali Novak
Casa editrice: Sperling & Kupfer
Pag.: 336
Costo: 17,90
















Il futuro di Felicity è già stato pianificato nei minimi dettagli. Da quando la sorella maggiore Rose è andata via, le aspettative della madre pesano tutte sulle sue spalle, e Felicity fa del suo meglio per non deluderle. Lavora duramente per avere ottimi voti e risparmiare denaro per le tasse universitarie. Ma, a volte, le cose migliori della vita sono quelle non programmate. Felicity ancora non lo sa. Una sera, però, a un ballo in maschera per beneficenza, un affascinante sconosciuto dagli occhi grigi le rovescia addosso il suo bicchiere. Felicity non immagina che quell'incontro possa avere un seguito. Né tantomeno che il goffo e misterioso ragazzo con il viso mascherato sia Alec, membro della famosissima band degli Heartbreakers. Eppure, quando, nella camera della mamma, Felicity trova alcune lettere che le rivelano uno scioccante segreto di famiglia, sarà proprio Alec a sedersi accanto a lei per accompagnarla in un incredibile viaggio on the road alla ricerca di sua sorella. Che sia la strada giusta per trovare la felicità, e magari anche l'amore?
Titolo: Shake my Colors. Persa nel buio
Autore: Silvia Montemurro
Casa editrice: Sperling & Kupfer
Pag.: 288
Costo: 16,90







Per Laura, dire addio a Geo è stato più doloroso del previsto. Dopo aver creduto con tutte le forze in quell’amore, ora sta cercando di abituarsi alla sua assenza ma, anche se il legame tra lei e Paolo è diventato più di un’amicizia, non riesce a impedire che Geo si insinui nei suoi pensieri nei momenti di debolezza. È come se ciascuno dei due la attirasse a sé mettendo in dubbio ogni sua certezza. Quasi a volerle dare un segnale, anche i suoi occhi sono affaticati e la vista è peggiorata. Come se non bastasse, Prisca, la sua migliore amica, le ha inspiegabilmente voltato le spalle, tornando a essere solo un’acerrima rivale sul ghiaccio. Laura è vulnerabile e insicura come mai le era successo. Per questo, quando Geo la trova in riva al lago sola con i suoi pensieri, non riesce a tenerlo a distanza. Perché capisce che anche lui, nonostante tutto, non può a fare a meno di lei. Non avrebbe mai voluto ingannare Paolo, eppure tenergli nascosta la presenza di Geo nella sua vita le sembra l’unica soluzione. Sarebbe un colpo troppo duro, soprattutto ora che l’amico deve fare i conti con una situazione familiare complicata. Ma Geo è fatto di luci e ombre e non si è ancora liberato dei suoi fantasmi. 










Uscite: Piemme

Titolo: Il giardino dei piccoli inzi
Autore: Abbi Waxman
Casa editrice: Piemme
Pag.: 348
Costo: 18,50
















«Il giardinaggio è come la vita, e queste sono le regole: scava a fondo. Pianta sempre qualcosa di nuovo. Aggiungi molta acqua e molta luce. E aspettati solo il meglio.»

Per Lilian, Dan era molto più di un marito: era anche il suo migliore amico. La sua morte è stata così improvvisa che non ha neanche avuto il tempo di salutarlo. Adesso, tre anni dopo, forse il dolore sta cedendo il passo al ricordo, e Lilian riesce a far funzionare di nuovo la sua vita: due bambine, una sorella che sa sempre come farla ridere, e il suo lavoro di illustratrice. Eppure quel senso di vuoto resta il suo compagno più fedele. Almeno finché la casa editrice per cui lavora non la spedisce a fare un corso di orticoltura e giardinaggio per un’enciclopedia illustrata… Per la prima volta da quando Dan non c’è più, Lili si sentirà sbocciare di nuovo, proprio come i fagiolini e il sedano che impara a piantare – per non parlare di zucche, aglio, cetrioli, tutti ortaggi che richiedono cure e attenzione, fragili e precari proprio come la nostra felicità. Grazie a queste lezioni, Lili non solo conoscerà nuove persone ma, forse, si innamorerà di nuovo: perché restare chiusi in se stessi fa molto più male che correre il rischio di aprirsi e sbocciare.

Uscite: Amazon Crossing

Titolo: L'ultimo volo del corvo
Autore: Damien Boyd
Casa editrice: Amazon Crossing
Pag.: 172
Costo: 0,00 kindle unlimated, 4,99 ebook, 7,99 cartaceo
















Ogni scalatore sa che in parete un imprevisto può essere fatale.
Nick Dixon, ispettore della polizia di Burnham-on-Sea, cittadina affacciata sulle celebri scogliere del Somerset, da ex arrampicatore conosce bene questi rischi. Ma quando viene chiamato a indagare su un incidente mortale avvenuto durante una scalata, non può credere che il cadavere ai piedi della montagna sia proprio quello del suo vecchio amico e compagno di cordata Jake Fayter.
Alcuni indizi sono evidenti e Dixon capisce in fretta che questo caso non può essere archiviato come una tragica fatalità. Nella sua indagine, il detective si troverà a fare i conti con una zona d’ombra nella vita di Jake, e a scoprire insospettabili e misteriose trame nascoste tra gli incredibili paesaggi della costa inglese.

Trame e opinioni: Fidanzata di venerdì di Catherine Bybee

Titolo: Fidanzata di venerdì
Autore: Catherine Bybee
Casa editrice: Leggereditore
Pag.: 264
Costo: 14,90
















Trama
Lady Gwen Harrison, bellissima figlia di un duca inglese, è giunta dall'America per subentrare nell'agenzia d'incontri di sua cognata. Solo perché lei è il capo non significa che non possa fantasticare su quanto potrebbe essere perfetto un appuntamento con la sua guardia del corpo Neil MacBein, l'enigmatico uomo che da un po' di tempo rende piuttosto agitati i suoi sogni. Ma gli affari sono affari, meglio tenersi lontana dai coinvolgimenti... L'ex marine Neil MacBein, da parte sua, non può negare che quell'affascinante donna dal sangue blu abbia finito di ingarbugliare i fili della sua anima già piuttosto tormentata... oltre che dei suo sensi induriti dalla vita militare. Ma Gwen è la donna per cui lavora, mantenere le distanze è un suo dovere. Eppure, il destino sembra aver deciso per entrambi, così quando il passato di Neil, con le sue ombre, torna prepotente a complicargli la vita, Gwen si ritrova inevitabilmente coinvolta nei tormenti dell'uomo. Spetta a Neil adesso decidere cosa salvare: la sua carriera, la sua vita... o la donna che l'ha conquistato.


Il mio commento

Mi piace tanto quest'autrice, perché all'interno di una storia che potrebbe fermarsi benissimo a un romance classico, lei ci aggiunge quel pizzico di suspense, rendendo il romanzo più avvincente, intenso e molto intrigante.
In Fidanzata di venerdì, terzo romanzo della serie The Weekday Brides, protagonisti sono Gwen, sorella di Blake Harrison (lo travate nel primo romanzo), e Neil.
Sin dalla prima apparizione nei precedenti libri, si percepisce che tra i due potrebbe accadere qualcosa, quindi bisogna attendere questo romanzo per capire, vedere, come andrà a finire.
Pur avendo natali aristocratici, Gwen è davvero un portento, testarda, sicura di sé, e soprattutto l'ho trovata molto ironica.
Neil invece rappresenta proprio il suo status di guardia del corpo, un uomo di poche parole, sempre vigile e attento, certo è il suo lavoro, ma la sua ansia nei confronti di Gwen, ci fa capire da subito che nutre per quella donna dei sentimenti contrastanti, perché seppure l'attiri, il suo passato non gli permette di andare oltre...

Lavorare lo aiutava a passare meglio il tempo.
Lavorare significava rimanere all'ombra di alti edifici e tenere d'occhio l'unica Harrison rimasta negli Stati Uniti.

Ma quando il passato torna portando scompiglio, le cose cominciano a cambiare, il ritrovamento di piume di corvo, mette Neil in una situazione che deve gestire in modo autonomo, e quando coinvolgono anche Gwen, le cose cambiano.
Inizia così una fuga, verso un nascondiglio, per porteggere la donna che infondo oramai gli è antrata fin nelle ossa, e a nulla serve parlare e riprommetersi che non cederà, perché Gwen è bella, perché Gwen lo fa ridere, perchè Gwen è in pericolo e lui deve assolutamente proteggerla.
E son scintille, perché tra una corsa verso un rifugio segreto, notti passate nei boschi, motel fatiscenti, la passione fa il suo ingresso e Neil e Gwen non possono più farne a meno.
Una serie che si sta scoprendo sempre più seducente, attraente, non posso dire al cardiopalma, però in alcuni punti devo dire che l'autrice è stata molto brava, la suspense, il mistero rendono il romanzo ricco di colpi di scena.

La serie The Weekday Brides è composta da ben sette libri, scusatemi però mi viene da chiedermi li vedremo tutti pubblicati? Lo spero!!!

#1 Wife by wednesday -La moglie del mercoledì - recensione
#2 Marryed by monday - Sposata di lunedì - recensione
#3 Fiancé by friday - Fidanzata di venerdì
#4 Single by saturday
#5 Taken by tuesday
#6 Seduced by sunday
#7 Treasured by thursday



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...