martedì 17 ottobre 2017

Trame e opinioni: Dream. Bugie d'amore di Karina Halle

Titolo: Dream. Bugie d'amore
Autore: Karina Halle
Casa editrice: Newton Compton
Pag.: 255
Costo: 5,99 ebook
















Trama
Il loro amore li ha portati a mentire
La loro verità li ha condotti alla fine

Brigs McGregor sta risorgendo dalle ceneri. Ha perso sua moglie e suo figlio in un incidente d'auto, e in preda allo sconforto ha perso anche il suo lavoro, ma finalmente sta voltando pagina. Gli viene assegnata una prestigiosa cattedra all'Università di Londra e lo aspetta una nuova vita in città. Lentamente, ma inesorabilmente, sta sconfiggendo il senso di colpa e si sta lasciando alle spalle il suo tragico passato.
Finché non incontra lei.
Natasha Trudeau amava un uomo così tanto che pensava di morire senza di lui. Ma il loro amore era sbagliato, destinato a finire già dall'inizio, e quando il loro mondo va in frantumi, Natasha rimane quasi sepolta sotto le macerie. Ci sono voluti anni per dimenticare, e ora che è a Londra è pronta a ricominciare. 
Finché non incontra lui.
Alcuni amori sono troppo pericolosi per essere vissuti.
E alcuni amori sono troppo potenti per essere ignorati.


Il commento di Patrizia


"L'amore della mia vita.

Quell'amore che ha rovinato parecchie vite.
Un passo avanti e cinque milioni indietro."


Argomenti corposi questa volta, tradimento, dolore, senso di colpa, sacrificio. Il presente e il passato si intrecciano e ci raccontano la storia, che non sempre è fluida come uno vorrebbe (la Halle continua a velocizzare o trascurare parti importanti), scopriremo entrambi i punti di vista dei nostri personaggi, faremo il tifo una volta per uno, una volta per l’altro, e non dovremo dare nulla per scontato.
Idea buona, trama di per sé avvincente ma la lettura a tratti è lenta, difficoltosa, noiosa. Da sfondo Edimburgo, Londra, città caotiche e magiche, da me sempre associate alla libertà, alla voglia di fare sempre qualcosa.

Questa volta la storia inizia con un incidente nel cuore della notte, una macchina esce fuori strada, due corpi che vengono spazzati fuori dai finestrini e sembra di assistere alla scena come in un film 3D tanto è descritto bene. Così conosciamo il protagonista Brigs McGregor e ciò che successe alla famiglia. E sin dalle prima pagine ci chiederemo ma Brigs è vittima o carnefice?
Natasha è una studentessa piena di sogni e con tutta la vita davanti, ma non crede più nell'amore, fino a  quando incontra quei magnetici occhi blu del professor McGregor !!!
Ma il destino gioca degli scherzi non da poco a volte, per cui il loro amore è destinato a finire ma 4 anni dopo come per magia.

Cosa succede però in quei 4 anni di lontananza? 
Entrambi vivranno il proprio personale inferno, fatto di rimorso, di senso di colpa eppure appena si ritroveranno vorranno la loro seconda occasione. Sono due persone spezzate, che ritrovandosi uniscono le loro metà .
Un bell'inno alla lotta, alla speranza, e alle seconde opportunità. Sicuramente il più profondo della serie, con un ritmo lento, con i suoi tempi, come quando uno a fatica piano piano si rialza.


La serie è composta di cinque libri al momento:
#1 Dream. Patto d'amore - recensione
#2 Dream. Offerta d'amore - recensione
#3 Dream. Gioco d'amore - recensione
#4 Dream. Bugie d'amore
#5 Dream. Debito d'amore


Uscite: Piemme

Titolo: La via di casa
Autore: Louise Penny
Casa editrice: Piemme
Pag.: 420
Costo: 19,50















C’È UNA SOLA COSA, OLTRE LA MORTE, CUI NESSUNO PUÒ SFUGGIRE. IL SUO PASSATO

«LOUISE PENNY MESCOLA SUSPENSE E DRAMMA PSICOLOGICO, IL TUTTO CON UN INCREDIBILE SENSO DELLE AMBIENTAZIONI. UN NUOVO GIOIELLO DA UN’AUTRICE CHE NON SMETTE DI SORPRENDERCI.» Booklist

A Three Pines, piccola cittadina del Québec, immersa nell’idilliaco sud dai paesaggi punteggiati di pini maestosi, è difficile che accada qualcosa. È qui che Armand Gamache sta vivendo gli anni della pensione, dopo una carriera come ispettore capo della Omicidi. Ma c’è qualcuno che viene a disturbare la sua quiete, fatta di letture colte e tranquille serate estive. Clara Morrow, la vicina di casa, famosa pittrice. Suo marito Peter, un artista anche lui, sembra scomparso: Clara ha un brutto presentimento e un grande bisogno di ritrovarlo. Per l’ex ispettore, lasciare Three Pines è uno sforzo sovrumano, ma alla fine accetta di aiutarla. Comincia così un viaggio alla ricerca di un uomo che diventa sempre più misterioso man mano che il tempo passa. Un viaggio che porterà Gamache fino all’area più desolata della regione, quella del grande fiume San Lorenzo, un posto talmente “dannato” che i primi marinai che vi capitarono lo definirono «la Terra che Dio donò a Caino». E lì, lontano da casa e sempre più vicino al cuore nero dell’uomo che sta cercando, Gamache scoprirà qualcosa che non avrebbe creduto possibile.  

Titolo: Le nemiche
Autore: Carla Maria Russo
Casa Editrice: Piemme
Pag.: 360
Costo: 18,50















CARLA MARIA RUSSO, ESPERTA INDAGATRICE DELLA STORIA AL FEMMINILE, RIVELA I RETROSCENA DELLA CELEBRE INIMICIZIA NATA TRA ISABELLA E LUCREZIA, UNA STORIA DI IERI PER COMPRENDERE LE RIVALITÀ FEMMINILI DI OGGI

1501. Quando Isabella d’Este scopre che suo padre, il duca di Ferrara Ercole I, ha scelto come moglie per l’erede al trono la donna più discussa della penisola, Lucrezia Borgia, figlia bastarda del papa, già sposa di due mariti, il primo ripudiato, il secondo ucciso in circostanze ambigue, il suo animo ne resta completamente sconvolto. La figlia di una tenutaria di bordello, come amava definirla, non può mischiare il suo sangue con quello purissimo e regale degli Este. Accolta con freddezza e disprezzo da tutti,  Lucrezia, donna di fascino e di straordinaria bellezza, amante del lusso e del divertimento, riesce tuttavia a guadagnarsi i favori di almeno una parte della corte ferrarese, in particolare dei giovani e affascinanti fratelli di Isabella, attratti dalle feste memorabili e dalla folta schiera di damigelle di cui si circonda, fra le quali brilla l’astro della irresistibile Angela Borgia. Questo successo genera fra le due donne una ostilità ancora più marcata e nuovi e più accaniti contrasti, che culminano con il tentativo da parte di Lucrezia di umiliare la rivale nella sua femminilità, portandole via un affetto a lei molto caro.  Ma  la marchesa di Mantova, donna di impareggiabile classe, cultura e acume, abile e scaltra più delle sue stesse spie, non è persona da lasciare impuniti gli oltraggi subiti e la sua vendetta sarà feroce e implacabile.

Uscite: Sperling & Kupfer

Titolo: Festa di famiglia
Autore: Sveva Casati Modignani
Casa editrice: Sperling & Kupfer
Pag.: 184
Costo: 14,90

















È quasi Natale. A Milano, in un ristorante di piazza Novelli già addobbato a festa, la proprietaria si prepara ad accogliere le ospiti abituali del giovedì. Andreina, Carlotta, Gloria e Maria Sole: quattro amiche, quattro giovani donne che ogni settimana si concedono quel momento di chiacchiere e confidenze. Due single, due in coppia, tutte alle prese con i dubbi del cuore: relazioni che le rendono felici a metà, uomini che dopo grandi dichiarazioni e doni preziosi si sono volatilizzati, oppure sono entrati in modalità-pantofola e pensano che il desiderio di ogni donna sia un robot da cucina. Quella sera, le attende un compleanno da festeggiare. Ma anche una confessione imprevista: Andreina aspetta un bambino. Proprio lei, soddisfatta della sua vita da single impegnata nel lavoro, ora deve affrontare una scelta d'amore che la coglie impreparata. «Che non ti venga mai in mente di fare un figlio senza avere un marito», le ripeteva sempre sua madre, per risparmiarle quanto era capitato a lei in un'epoca in cui una situazione simile era causa di scandalo e grandi sacrifici per una ragazza. Andreina appartiene a una nuova generazione di donne, più emancipate e disinvolte, eppure di fronte a quella decisione si sente smarrita. Forse la risposta è già nel suo cuore, in quell'angolo buio in cui ha imparato a nascondere i sentimenti. Una cosa è certa: qualunque sia la sua scelta, le amiche le saranno sempre accanto, come una famiglia.

Uscite: De Agostini/ DeA Planeta

Titolo: La ladra di neve
Autore: Danielle Paige
Casa editrice: De Agostini
Pag.: 437
Costo: 14,90















Snow vive nell’istituto psichiatrico di massima sicurezza di Whittaker da quando è solo una bambina. Ora ha sedici anni e un’unica certezza: lei non è pazza. È prigioniera. Lo sente nel suo cuore, nei suoi sogni, e ne è più che sicura quando guarda negli occhi Bale, il miglior compagno di sventure che le potesse capitare. Nel momento in cui Snow lo bacia, però, accade qualcosa di terribile: Bale cade in stato catatonico e scompare all’interno di uno specchio stregato. Senza di lui Snow non ha più certezze, né motivi per restare. Aiutata da un’amica, fugge dalla sua prigione. Più veloce che può, più lontano che può, oltre i cancelli dell’ospedale. Qui incontra Jagger, un ragazzo misterioso che promette di aiutarla a salvare Bale. Snow accetta di seguirlo e in quell’istante il mondo attorno a lei cambia. Sotto i suoi piedi il terreno si trasforma in ghiaccio, e tutto diventa neve e magia. Jagger l’ha portata ad Algid, un regno incantato sul cui trono siede un tiranno sanguinario. Così, in un mondo condannato a un eterno inverno, Snow si troverà a combattere per l’amore e la giustizia. Diventerà ladra, strega e spia, disposta a tutto pur di trovare una risposta alla domanda che più la spaventa: chi è lei davvero? 

Dalla penna della regina del fantasy americano, un romanzo che ha scalato la classifica dei bestseller del «New York Times». 
Una storia irresistibile che intreccia in modo magistrale magia, amore e sangue. 

«Un romanzo indimenticabile che intesse magia, romance e avventura.» — 
Kami Garcia, autrice di La Sedicesima Luna 
«Un’avventura fantastica, incalzante, piena di colpi di scena:
 tra ladri, streghe e giochi di potere.» —
 Jennifer L. Armentrout, autrice della serie Obsidian

Titolo: Tutto questo ti darò
Autore: Dolores Redondo
Casa editrice: DeA Planeta
Pag.: 544
Costo: 16,50















Quando una coppia in divisa bussa alla sua porta, Manuel, scrittore di successo ossessivamente dedito alla stesura del prossimo bestseller, intuisce all’istante che dev’essere accaduto qualcosa di grave ad Alvaro, l’uomo che ama e al quale è sposato da anni. E infatti il corpo senza vita del marito è stato ritrovato al volante della sua auto, inspiegabilmente uscita di strada tra le vigne e i paesaggi scoscesi della Galizia, a chilometri di distanza dal luogo in cui Alvaro avrebbe dovuto trovarsi al momento dell’incidente. Sconvolto, Manuel parte per identificare la salma. Ma giunto a destinazione si ritrova invischiato in un intrico di menzogne, segreti e omissioni che ha al centro la ricca e arrogante famiglia d’origine del marito. Con l’aiuto di Nogueira, poliziotto in pensione dal carattere ruvido, e di Padre Lucas, il prete locale amico d’infanz ia di Alvaro, Manuel indaga sulle molte ombre nel passato dei Muñiz Dávila e sulla vita segreta dell’uomo che si era illuso di conoscere quanto se stesso.

Serrato, sorprendente e ricco di atmosfera, Tutto questo ti darò è un thriller psicologico dalla sensibilità finissima, capace di indagare con la stessa onestà le dinamiche del cuore e quelle – troppo spesso malate – della nostra società.

lunedì 16 ottobre 2017

Trame e opinioni: Vampiro in pigiama di Mathias Malzieu

Titolo: Vampiro in pigiama
Autore: Mathias Malzieu
Casa editrice: Feltrinelli
Pag.: 172
Costo: 15,00
















Trama
Mathias Malzieu ha sempre sognato di essere un supereroe ma, scopre, anche i supereroi si ammalano. E spesso in maniera grave, al punto da ricorrere a un trapianto, proprio come accade a Mathias. Con la stessa leggerezza e ironia di Jack e Tom Cloudman, gli eroi dei suoi romanzi precedenti, l'autore narra in prima persona le cure mediche ricevute, le degenze negli ospedali, gli incontri di grande impatto emotivo in quei luoghi freddi e asettici, ma soprattutto mette a nudo i sentimenti provati, dal dolore fisico alla rabbiosa gioia di vivere, dall'amore per i cari e per l'adorabile Rosy, al piacere di assaporare le piccole cose quotidiane: il sole, il vento, una Coca ghiacciata, la visione di un film, il gusto di un bacio. Il desiderio di creare, di fare musica, di promuovere il suo film "Jack e la meccanica del cuore", che uscirà a ridosso della diagnosi, terranno accesa la straordinaria vitalità di questo eterno bambino che non rinuncia alle sue galoppate in skateboard né ai suoi sogni. Stoico e coraggioso come un Cavaliere Jedi, affronterà questa battaglia, rinascendo per una seconda volta, grazie al sangue di un cordone ombelicale. L'immaginario pop, le atmosfere oniriche, la scrittura rendono "Vampiro in pigiama" un autentico inno alla vita, vibrante di sincera riconoscenza verso l'umanità.

e mezzo

Il mio commento

Vi è mai capitato di sentire il bisogno di uscire un po' fuori dai soliti sistemi, dalle solite letture, dai soliti clichè?
A me è capitato spesso, ma mai con i libri, a volte il genere letterario a cui facciamo affidamento è un po' come la coperta di Linus, è lì che ci aspetta, non l'abbandoniamo, è il nostro rifugio e sappiamo che raramente ci deluderà, perché le storie narrate ci scaldano il cuore, le vicende turbolente dei nostri protagonisti preferiti ci fanno combattere per loro. 
Ma questa volta i miei occhi si sono posati su un libro molto diverso dai miei standard letterari, un autore che osservi sugli scaffali della libreria, ma non ti spingi a leggerlo, perché magari prevenuta in partenza: quel romanzo non mi piacerà a priori.
Ammetto che ora sento il bisogno di fare un passo indietro e recuperare i precedenti, ma Vampiro in pigiama di Mathias Malzieu, mi ha aperto un nuovo mondo. 
Un mondo introspettivo, un racconto di sé che l'autore fa con gli occhi a volte di un bambino, a volte di un adulto che si scontra con una dura realtà, quello della malattia, ma non una che conosciamo, una di cui sappiamo per filo e per segno gli stadi, la degenza e via di seguito.
Mathias ci parla della sua malattia, del suo calvario, ma lo fa con uno spirito ironico ed essenziale, talvolta stridente, con quel pizzico di immaginazione, laddove è necessario, sollevando opinioni, dubbi su una vita a volte frenetica, a volte fiacca. 
Questo romanzo è un racconto di vita vissuta che si scontra con una realtà che in molti rifuggiamo, una battiglia che l'autore intraprende, attraversando tutti gli stadi di una malattia, che gioisce delle piccole cose, che ama ogni istante e non vuole lasciare nulla di aperto, nulla chiuso.
Bello, perché mi ha catturata con parole, brevi discorsi, bello perché... NON LO SO, SOLAMENTE BELLO.

Trame e opinioni: Cinder. Cronache lunari di Marissa Meyer

Titolo: Cinder. Cronache lunari
Autore: Marissa Meyer
Casa editrice: Mondadori
Pag.: 394
Costo: 17,00 cartaceo, 4,99 ebook

















Trama
Cinder è abituata alle occhiate sprezzanti che la sua matrigna e la gente riservano ai cyborg come lei, e non importa quanto sia brava come meccanico al mercato settimanale di Nuova Pechino o quanto cerchi di adeguarsi alle regole. Proprio per questo lo sguardo attento del Principe Kai, il primo sguardo gentile e senza accuse, la getta nello sconcerto. Può un cyborg innamorarsi di un principe? E se Kai sapesse cosa Cinder è veramente, le dedicherebbe ancora tante attenzioni? Il destino dei due si intreccerà fin troppo presto con i piani della splendida e malvagia Regina della Luna, in una corsa per salvare il mondo dall'orribile epidemia che lo devasta. Cinder, Cenerentola del futuro, sarà combattuta tra il desiderio per una storia impossibile e la necessità di conquistare una vita migliore. Fino a un'inevitabile quanto dolorosa resa dei conti con il proprio oscuro passato.


Il commento di Manuela

Ho letto questo romanzo qualche tempo fa, anche se solo ora ho messo giù le mie opinioni. A suo tempo, quando l'ho letto mi incuriosiva il fatto che avesse come protagonista Cinder, la mia “principessa” preferita.
Cinder è una ragazza cyborg, non ha ricordi del suo passato e vive con la sua famiglia adottiva, la matrigna e due sorelle, di cui è molto legata, specie alla più piccola. Per mantenersi lavora come meccanico al mercato e per puro caso incontra il principe Kaito. Il principe la invita al ballo. Inizialmente non vuole andare ma poi intravede in quell’invito l’opportunità di avere l’antidoto per la peste che ha colpito la popolazione e in particolar modo sua sorella minore. Durante il ballo però viene a conoscenza di un segreto importante e fa di tutto per avvisare il principe Kaito, ma non riesce e soprattutto viene imprigionata.
Tutta la storia, pur ricalcando la favola di Cenerentola, è ambientata in una città del futuro Nova Pechino. Siamo in un tempo indefinito, dopo la quarta guerra mondiale, dove tutto è stato nuovamente ricostruito, dove la tecnologia la fa da padrone, dove persino la Luna è abitata da esseri umani che però hanno modificato alcune loro caratteristiche per sopravvivere in un ambiente diverso dalla Terra.
I personaggi sono mutuati da quelli della favola di Perrault, anche nelle loro caratteristiche morali. Cinder è una ragazza forte e coraggiosa che non si è fatta demoralizzare dai maltrattamenti della matrigna e della sorella più grade. È buona d’animo e farebbe di tutto per salvare le persone a cui vuole bene. Il principe Kaito è un ragazzo che sente il peso delle responsabilità, ma resta fedele ai suoi ideali. La regina cattiva, perché in ogni favola che si rispetti c’è la regina cattiva, è descritta in modo pieno e completo, soprattutto la sua “malvagità”, il suo modo di essere subdola.
Attraverso le pagine di questo racconto vengono posti in evidenza anche temi importanti come il potere politico e le guerre di conquista. C’è però anche un bel messaggio sull’importanza della pace. Tutti i potenti della Terra cercano di tenersi in contatto, prendono decisioni per il bene globale, tutti uniti contro il “malvagio” di turno, cioè la regina lunare Levana.
La storia è raccontata in modo scorrevole e piacevole. Ha il sapore delle favole antiche, fatta anche di magia. Fa molto affidamento alla nuova tecnologia, a un futuro avveniristico di conquiste nello spazio, i confini terreni non sono più così fondamentali. C’è però una differenza con le favole della tradizione, manca il lieto fine. Per tutto il tempo aspetti e sogni il ballo e poi rimani un po’ in sospeso… ti trovi con un racconto troncato all’improvviso. Il finale ha un sapore dolce-amaro, che lascia infondo un po’ di tristezza.
È sicuramente un libro piacevole, una favola modernizzata. Ho scelto di leggerlo perché incuriosita dalla trama (una delle poche volte che leggo prima la trama) ma inizialmente non mi ha molto preso. La seconda parte è stata più coinvolgente. Una buona lettura.

La serie Cronache lunari/ The Lunar Chronicles Series è composta di 4 libri, più diversi spin off:

#0,5 Glitches
#0,6 The little android
#1 Cynder
#1,5 The Queen's Army
#2 Scarlet - recensione
#3 Cress
#3,1 Carswell's Guide to Being Lucky
#3,5 Fairest
#4 Winter
#4,5 Stars Above

sabato 14 ottobre 2017

Trame e opinioni: Un gioiello raro di Mary Balogh

Titolo: Un gioiello raro
Autore: Mary Balogh
Casa editrice: Mondadori
Collana: I Romanzi Classic
Pag.: 250
Costo: 3,99 ebook















Trama
Priscilla Wentworth è una gentildonna caduta in miseria e costretta dalle circostanze a prostituirsi in un bordello. Sir Gerald Stapleton è stato tradito dalle donne più importanti della sua vita e ora cerca solo il piacere fisico. Quando incontra Priss, si chiede come possa essere successo che un gioiello di grazia, bellezza ed eleganza come lei sia divenuta cortigiana. Nonostante il proponimento di non lasciarsi più coinvolgere in una relazione di cuore, quando lei ha bisogno di protezione, Gerald la prende come sua amante fissa. Ne esce un sentimento tanto forte quanto socialmente censurabile, per un amore che sembra non avere futuro...

e mezzo

Il mio commento

Ci sono libri che ti riempiono il cuore e ci sono libri che non vorresti aver letto...
Quando ho preso in mano questo romanzo, secondo della serie Stapleton-Downs, mi sono soffermata a leggere una nota dell'autrice, che spiegava la scelta di scrivere la storia tra Gerald e Priss, una storia che si è costruita da sola. 
A me questo romanzo non è piaciuto, ma non la scrittura della Balogh, è proprio la caratterizzazione dei personaggi che non mi ha coinvolta minimamente, Gerald Stapleton è il miglior amico del duca di Severn, spesso lo troviamo citato nel romanzo L'ideale di moglie, e all'apparenza sembra essere un uomo con i suoi ideali, uno scapolo apprezzabile, parla spesso di questa Priss, che però a noi non è dato sapere, perché non è di loro che dobbiamo conoscerne la storia.
In Un gioiello raro invece, finalmente conosciamo Priss, una cortigiana, molto remissiva, e questo a me non è piaciuto per niente, perché la Balogh ci ha abituati a personaggi femminili, più forti, con un loro carattere, mentre Priss non lo è. Sempre molto accondiscendente, sempre silenziosa.
Anche Gerald ha mostrato un lato come dire un po' troppo maschilista, poco propenso ai desideri di una donna, e solo preso a soddisfare i suoi, anzi molte volte, spiega che i modi alquanto esuberanti delle cortigiane non lo coinvolgono, invece, in Priss, trova tutto ciò che lui cerca...
La scelta di prenderla come amante fissa, però lo porta molte volte a considerare la situazione con occhi diversi, e sopratuttto a ripetersi che lo fa solo per un fine di "sollazzo" e non perché cominci a provare dei veri sentimenti per quella donna, anche perché poco consoni...
Naturalmente come tutte le storie, il lieto fine c'è, e ben venga, ma onestamente non mi ha lasciato nulla.


#1 The Ideal Wife - L'ideale di moglie - recensione
#2 A Precius Jewel - Un gioiello raro
#3 Dark Angel - Caro Angelo inatteso - recensione
#4 Lord Carew's Bride - La sposa di Lord Carew
#5 The Famouse Heroine - Un amore inaspettato
#6 The Plumed Bonnet - La dama col mantello - letto nel lontano 2000, ma non recensito.
#7 A Christmans Bride - Sposa a Natale
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...